Tablet in dono ai reparti Covid, i malati più “vicini” ai familiari

“Aprirsi all’incontro concreto con le periferie esistenziali, senza cadere nella trappola di fare riflessioni teoriche che non hanno mai veramente incontrato il dramma e la bellezza della realtà vera” Non c’è nulla di più vero e toccante nelle parole di Papa Francesco pronunciate nell’enciclica “Fratelli tutti”: fare delle azioni di concreta solidarietà verso chi soffre in tempi come questi, dove la pandemia mondiale miete, giorno dopo giorno, migliaia di vittime nel mondo, non è più solo una possibilità, ma diventa un’obbligo per noi cristiani.

E’ stato questo il motore che ha spinto l’Associazione Ex Alunni Leonardo da Vinci, rappresentati dal Presidente, Notaio Carlo Zimbone e dal Segretario Avv. Marco Tortoric,i a donare 5 tablet al reparto Covid del Presidio Ospedaliero Cannizzaro di Catania al fine di permettere a chi è ricoverato in stato di isolamento e lotta contro il virus di potersi mettere in contatto visivamente e parlare con i propri cari. Don Mario Torracca, Assistente spirituale dell’Associazione, nonchè Cappellano del presidio ospedaliero, ha spiegato il senso di questo gesto di fratellanza nel consegnare i tablet nelle mani dei Direttori dei reparti Covid, alla presenza del Direttore Generale e del Direttore Sanitario della struttura ospedaliera, sottolineando che la generosità, i bei gesti non vanno tenuti nascosti, ma vanno resi noti, perchè altri possano emularli.

Grazie infatti al nobile gesto è stata dimostrata la vicinanza ai pazienti e alle loro esigenze più profonde e intime; infatti, come meglio spiegato dai primari dei reparti, ogni iniziativa che riesce ad umanizzare il difficile percorso a cui viene sottoposto il paziente affetto da Covid -19, che deve affrontare cure intensive per poter guarire, rappresenta un enorme e incalcolabile aiuto psicologico che può condurre il soggetto ad una più serena degenza e una più celere guarigione.

Scroll Up